Ugo La Pietra lascia di nuovo il segno. Questa volta ad Apricena (FG), dove ha realizzato l'opera pubblica "Dalle cave all'architettura", al Parco Museo Sculture "Madre Pietra".

Collocata nel centro storico della città pugliese, l'installazione richiama le risorse storiche del territorio, ossia la "pietra di Apricena", cavata nei dintorni della città.

Le grandi colonne hanno la base scalpellata, che allude alla fase di estrazione della pietra dalla cava, e vengono poi levigate nella parte superiore, riferendosi alla capacità di trasformazione del materiale grazie al lavoro degli artigiani; alla sommità poggiano micro-architetture a disegnare un paesaggio. 
La Pietra da sempre è un infaticabile sperimentatore e ricercatore nella grande area dell'urbanistica e delle arti applicate e spiega così la sua ultima prova d'artista: "L’opera esprime il concetto, che ho più volte esposto e rappresentato nei miei scritti, studi e realizzazioni, di un’arte territoriale, capace di partire dalle risorse del territorio per dare identità al luogo in cui viene collocata e a cui appartiene".